Non spaventarti, fatti un controllo

Sulla scia dei filmati combinati coi cartelli, un bel messaggio sensibilizza in modo provocatorio la necessità del controllo sul cancro al seno. Nello spot, sono coinvolti anche i maschietti.

In alcuni paesi, tra cui la civilissima Nuova Zelanda, la censura ha colpito pesante impedendone la divulgazione. In Italia, temo di conoscere la reazione se qualcuno iniziasse mai a programmarlo.
Eppure, è dimostrato, il cancro al seno, quanto prima lo si individua e tanto più probabile è il successo della cura: “Quando il tumore è scoperto in una fase precoce, la percentuale di guarigione è vicina al 98%”, conferma Alberto Luini, medico senologo dell’AIRC. Meglio due tette in più TV per parlare di prevenzione o dei decessi che, presi in tempo, potevano essere evitati?

Un commento su “Non spaventarti, fatti un controllo”

  1. Di tette in TV se ne vedono dappertutto: film, trasmissioni di intrattenimento, serials… e ci scandalizziamo quando si vedono per una buona causa?!

Rispondi