Il fascino di perdersi in un archivio

David Campbell, protagonista de Il giardino dell’arte, include nel suo Grand Tour della penisola Caravaggio, Michelangelo e Raffaello, ma anche l’Archivio di Stato. Il personaggio creato dallo storico dell’arte Claudio Strinati viaggia nel Bel Paese del XXI secolo e per capirlo fino in fondo non può prescindere dal toccare uno dei luoghi della memoria della nostra storia.

Gli archivi storici non sono luoghi inaccessibili coperti di ragnatele, ma preziosi custodi del racconto di una memoria collettiva, che può essere riletta da molti punti di vista, per arricchire rievocando vicende, stili di vita, snodi epocali, curiosità e passioni. Veri magazzini del sapere, sono una traccia indelebile, composta pazientemente in anni di attività delle associazioni culturali, ma anche delle imprese, dei sodalizi, degli istituti che sono stati a fianco del popolo cogliendone i momenti epici, quelli sciagurati e quelli della vita di tutti i giorni.

C’è un momento dell’anno in cui gli archivi si aprono e, grazie alla digitalizzazione, possono essere condivisi per far immergere il pubblico in questa straordinaria ricchezza. Archivissima è il festival per scoprire, raccontare e far conoscere il valore degli archivi storici. Si svolgerà quest’anno in una rinnovata versione digitale dal 5 all’8 giugno 2020. Con la Notte degli Archivi del 5 giugno 2020, si trasformerà in una grande trasmissione gratuita, con un palinsesto di oltre 50 puntate, di cui 18 podcast d’autore tutti dedicati alle storie degli archivi. Il folto programma è on line. Oltre 80 podcast e più di 100 video tratteranno il tema 2020, #WOMEN.

Le figure femminili saranno al centro dell’attenzione, non solo per celebrarne i successi ma per testimoniare l’importanza dei processi di trasformazione e cambiamento che proprio le donne hanno saputo attivare nella politica, nella letteratura, sul lavoro, nella medicina e nello sport.

Archivissima, lezioni dalla

Tra tutti i contenuti prodotti dagli enti partecipanti, dieci in particolare saranno quelli prodotti direttamente da Archivissima, curati dalla giornalista Valentina De Poli che accompagnerà con la sua voce l’ascoltatore alla scoperta dei documenti e delle carte conservati negli archivi selezionati. Fra questi: l’Archivio Storico Ricordi con un focus dedicato a Maria Callas; l’Archivio Fondazione Mondadori con un racconto su Alba De Cespedes, Eliana Liotta racconterà l’Archivio Storico di Intesa Sanpaolo attraverso collegamenti e focus dedicati al tema femminile.

Stefania Auci, divenuta celebre per aver scritto I leoni di Sicilia, leggerà un suo inedito. Attraverso i testi della scrittrice Francesca Manfredi, insegnante alla scuola Holden, si racconterà il posto speciale che le donne hanno sempre avuto in Lavazza,presente anche con il podcast Il caffè è donna. Lidia Ravera darà voce alla storia della partigiana e antifascista Teresa Noce, operaia e sindacalista e fra le fondatrici del Partito Comunista Italiano. 

Michela Murgia dedica il suo podcast alla tradizione della poesia orale sarda indagando le differenze tra il maschile e il femminile. Cathy La Torre accompagnerà il pubblico alla scoperta del Cassero, storico circolo LGBT di Bologna. Sempre su questa tematica, grazie alla collaborazione con il Lovers Film Festival e il Museo Nazionale del Cinema, anche Vladimir Luxuria, attuale direttrice del festival, presterà la sua voce al podcast dedicato alla rappresentazione delle donne trans nel cinema italiano. 

Archivissima presenta anche Epochè – La figura femminile negli archivi, un percorso visivo tra le diverse sfaccettature della presenza delle donne nei documenti d’archivio. La mostra digitale, che sarà visibile online dal 5 giugno 2020, comprende una selezione di immagini d’archivio sull’universo femminile. In totale, gli archivi storici di enti pubblici, istituti culturali e grandi aziende che hanno confermato la loro partecipazione a questa Notte degli Archivi – Digital Edition sono oltre 170. È la storia, ve ne convincerete, che può indicare il cammino per il nostro futuro.

Questo articolo è pubblicato anche sull’HuffingtonPost.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *