Archivi tag: morto

Stèphane Charbonnier di Charlie Hebdo: le parole premonitrici

Stèphane Charbonnier, direttore di Charlie Hebdo, dichiarava nel 2012:

Dipingi un Maometto glorioso, e muori.
Disegna un Maometto divertente, e muori.
Scarabocchia un Maometto ingobile, e muori.
Gira un film di merda su Maometto, e muori.
Resisti al terrorismo religioso, e muori.
Lecca il culo agli integralisti, e muori.
Prendi un oscurantista per un coglione, e muori.
Cerca di discutere con un oscurantista, e muori.
Non c’è niente da negoziare con i fascisti.
La libertà di ridere senza alcun ritegno la legge ce la dà già, la violenza sistematica degli estremisti ce la rinnova.
Grazie, banda di imbecilli.

Schermata 2015-01-09 alle 00.58.47

Peins un Mahomet glorieux, tu meurs.
Dessine un Mahomet rigolo, tu meurs.
Gribouille un Mahomet ignoble, tu meurs.
Réalise un film de merde sur Mahomet, tu meurs.
Tu résistes à la terreur religieuse, tu meurs.
Tu lèches le cul aux intégristes, tu meurs.
Pends un obscurantiste pour un abruti, tu meurs.
Essaie de débattre avec un obscurantiste, tu meurs.
Il n’y a rien à négocier avec les fascistes.
La liberté de nous marrer sans aucune retenue, la loi nous la donnait déjà, la violence systématique des extrémistes nous la donne aussi.
Merci, bande de cons.

Stèphane, nove suoi colleghi e due poliziotti sono stati massacrati oggi.

Schermata 2015-01-08 alle 02.10.47

Il paradosso della balena che esplode

Il cadavere di una balena che esplode su una spiaggia con tutte le frattaglie che si disperdono attorno? Non è una scena splatter, ma la realtà che capita quando il cadavere di un cetaceo si arena e, a causa della decomposizione, si gonfia fino a esplodere. Il filmato mostra alcuni casi. Sono capodogli e balenottere azzurre, a volte è necessario farle esplodere artificialmente per accelerare il processo. Il caso più recente è quello di un paesino delle Farøer che attende di potersi liberare del tanfo insopportabile provocato dal cadavere di circa 20 tonnellate (pensiamo all’odore di un topo morto e moltiplichiamo per 2000). La foto mostra invece cosa è successo mentre trasportavano il mammifero su un camion attraverso una città a Taiwan. Il paradosso di tutto questo? Le balene sono ancora cacciate e spiaggiandosi per esplodere sembra vogliano sacrificarsi per ricordare quanto alcuni paesi (non retrogradi ne poveri, tra cui il Giappone) continuino ad ignorare le leggi internazionali per la salvaguardia di questi mammiferi.