L’orango che è in tutti noi

Un vicepresidente del Senato bolla un ministro “orango”. L’onorevole sarà ben informato che la differenza nel DNA tra un uomo (perfino se presidente di Senato o ministro) e un primate come uno scimpanzè è minore del 2% e i gorilla sono, nel loro genoma, molto più vicini di quanto non si creda all’homo sapiens sapiens.

Immagino che il vicepresidente sia anche al corrente che perfino il maiale non è distantissimo da noi in quanto a cromosomi. Nelle prime giornate di esistenza del feto, uomo e maiale sono anzi praticamente indistinguibili. A volte anche dopo la nascita, vien da pensare a leggere certe dichiarazioni.
Consiglio non a caso la lettura di “Uomini per caso”, buon compendio di come selezione ed evoluzione hanno agito sugli ominidi. Non su tutti a dire il vero. Dopo le 288 scorrevolissime pagine, le idee saranno più chiare dal punto di vista scientifico. Il testo é invece completamente inutile per argomenti come educazione, cortesia e rispetto, per i quali si rimanda direttamente alla cronaca di questi giorni.
Questo pezzo è pubblicato anche sull’Huffington Post.

Precisazione scientifica a seguito dei commenti apparsi sul blog dell’HP:
… non è la composizione percentuale di basi azotate ma piuttosto il grado di uguaglianza delle sequenze che codificano per le proteine che ci compongono, che regolano l’accrescimento e la differenziazione dei tessuti etc. Siamo veramente molto simili alle scimmie.
Vuole semplicemente dire che il 98% della sequenza del nostro DNA si sovrappone a quella di una scimmia. In quel piccolo 2% sta tutta la differenza. Non stupisce se si pensa che solo meno del 5% del nostro DNA codifica per delle proteine, il che non vuol dire come lei sostiene che il restante DNA sia inutile… (Vincenzo La Manna)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *