Archivi tag: virus

Aids, a Milano non si sta tranquilli

Tra i tanti messaggi di speranza legati alla cura dell’AIDS mi ha colpito la notizia diffusa dal Centro Operativo AIDS dell’Istituto Superiore di Sanità in merito a Milano. Nel territorio della ASL del capoluogo lombardo si rilevano il 56% delle nuove infezioni nazionali, con 10 casi registrati alla settimana. Questo significa che proprio nella grande città, dove il livello di informazione e sensibilizzazione dovrebbe essere più alto, il rischio è sottovalutato. E non è finita qui, purtroppo, come spiega Gianmarino Vidoni, direttore del servizio Malattie a trasmissione sessuale dell’Asl Milano:

I dati che abbiamo sono da considerare sottostimati almeno del 30%  perché prendono in considerazione solo chi si è sottoposto a test. Le persone che credono di non correre alcun rischio e non fanno il test, anche se malate, non figurano nelle nostre statistiche.

Provocatorio, ma non troppo, lo spot realizzato proprio dal dipartimento di Prevenzione Medica dell’Asl meneghina e che si spera di diffondere grazie ai social. Dalle Parole di Coco Chanel, il regista Luca Mariani (lavora tra Milano e Barcellona, sua, tra le altre cose, la clip di Mondo di Cesare Cremonini) parte con un messaggio chiaro. Ora più che mail il profilattico è l’unico accessorio non accessorio

Questo articolo è pubblicato anche sull’Huffington Post.


Mamma, si è perso Guanarito!

Guanarito si é perso. Peró Guanarito non é l’innocuo bambino sudamericano con un sorrisone illuminato da occhi di cerbiatto che il nome lascia intendere. E, soprattutto, Guanarito non si é perso in una stazione ferroviaria o nella corsia dei giocattoli del supermercato.
Guanarito é un virus letale la cui fiala é stata smarrita in un superlaboratorio militare in Texas.

Se i soldati si perdono un fucile non é grave, a chi non é successo di appoggiare in giro qualcosa e poi “puff, avevo giurato di averlo messo lì!”?. Ma Guanarito (sará mica parente del Guaraná del supermercato?) se lo metti nel posto sbagliato al momento sbagliato è capace di fare dei veri casini tipo causare febbre, emorragie sottopelle e perdite di sangue negli organi interni in quasi tutti quelli in cui incappa. Insomma é come se avessero battezzato un Godzilla qualsiasi col nome di Bambi. Solo che questo Godzilla, proveniente pare da roditori venezuelani, é piccolo, arrabbiato e si infila ovunque. Sembra poi che qualcuno in Texas abbia mormorato anche un “poteva andare peggio”, visto che negli stessi laboratori ci sono anche antrace, ebola e un sacco di altre cosucce che in questo momento storico farebbero la gioia di uno squilibrato qualsiasi (iraniano o nordcoreano è indifferente) con la voglia di giocare al piccolo chimico. Vien da augurarsi, se proprio non troveranno Guanarito, che almeno cambino le serrature della fabbrica di mostri in cui si é perso.